In offerta!

Ciel d’Apreil

Versi di questa entità in più punti toccano: assonanze, alliterazioni, misura corta dei versi e del lessico. Tutto, qui, esalta il minuscolo universo della piccola lingua di Alberobello, città nota in tutto il mondo per i suoi Trulli patrimonio dell’Unesco (1996).

10,00 9,50

Categoria:

Descrizione

Si leggono con commozione questi versi:“ciel d’apreil”. E’ geologia che ci appartiene, tanto più intima, privata, tanto più condivisa e toccante. Ci sono i versi d’amore dedicati a “Arell”: “Èrm p’ccìnn,/ gavtèmm v’cein,/ n’ vulèmm bbèn/ cûm frêt i sor./ Jind all’ourt, nàn v’dàj n’scioun,/ n’abbrazzemm,/ jì t’vuàj vasè/ tu nna vulèj,/ vultèj a chêp,/ t’v’rgugnèj./ Stè tr’m’lèmm/ tand’èr a paòur./ T’n’fuscièst,/ ji rumanìebb sòul./ Aprìebb l’òcchjr,/ êr vêr o êr stêt/ nu suònn?/ M’ s’ndàj angòr/ u tr’ mlizz/ dù cùorp toù/ ca s’ str’ngiàj/ a mmàj/ im’ purtàj/ ‘ mbaravèis”. Versi di questa entità in più punti toccano: assonanze, alliterazioni, misura corta dei versi e del lessico. Tutto, qui, esalta il minuscolo universo della piccola lingua di Alberobello, città nota in tutto il mondo per i suoi Trulli patrimonio dell’Unesco (1996). Ogni giorno insieme a centinaia di specie si spengono centinaia di lingue: muoiono, con i loro popoli, la loro memoria, la loro luce, Gino Angiulli, disperatamente con la sua poesia regala una preziosa zattera per non smarrirci. Gino Angiulli: scrittore, storico. Ha coltivato la filologia e la lingua dialettale di Alberobello e le sua antropologia. Di lui ricordiamo: “cûm s’ deisc’ – dizionario dialettale alberobellese”.